Intervento al monumento per le vittime del Moby Prince Koningin Juliana

Lo sdegno di Loris Rispoli del Comitato 140, di tutti i cittadini, livornesi e non solo, di fronte al gesto vandalico perpetrato ai danni del monumento di Federico Cavallini “Koningin Juliana” è stato anche il nostro.

Una ferita inferta alla memoria di tutte vittime della strage del Moby Prince, delle famiglie delle vittime e pure di tutti coloro che sentono di essere la 141 vittima di questa pagina oscura della storia repubblicana.

Non sta certo a noi un’analisi sociologica di cosa abbia portato il writer a deturpare con dei tag il monumento, ma abbiamo sentito, d’impulso, la necessità di porvi rimedio.

koningin

Dal sopralluogo ci siamo resi conto di poter intervenire rapidamente con un solvente, a portare via la vernice della bomboletta.
La macchia presto non sarà più visibile per il processo di ossidazione del metallo.

Una cosa, però, ci sentiamo di dirla, a tutti i nostri concittadini: serve vigilare su tutti gli episodi, più o meno gravi, ai danni della nostra città perché l’indignazione “da tastiera”, per quanto spontanea, non basta.

La città del “vuoi fare come ti pare” necessità di  un riscatto, sotto il punto del senso civico, perché assistere passivamente, ad episodi simili, è un comportamento omertoso.

Poi c’è pure la necessità di rimboccarsi le maniche e, per quanto possibile, operare.
Noi lo facciamo da tempo, e contiamo di essere sempre di più a farlo, tutti assieme.

Per noi rimuovere la scritta è stato il nostro modo di dire #noisiamo141

koningin2

PS: ci siamo resi disponibili, direttamente con Loris, per predisporre l’illuminazione del monumento e dell’istallazione sonora.

Precedente Tesseramento a Reset Successivo Inizio pulizia Parco Terme del Corallo